Regione Veneto

ORDINANZA RISPARMIO IDRICO

Pubblicata il 20/06/2022

ORDINANZA N. 24  del 20-06-2022


Oggetto:        Ordinanza risparmio idrico
 
IL SINDACO
 
PREMESSO che con nota prot. n. 07552 del 06/06/2022, Alto Trevigiano Servizi S.p.A. - quale Gestore del Servizio Idrico Integrato – ha manifestato ai Comuni soci la necessità di attuare provvedimenti di competenza finalizzati a limitare l'utilizzo dell'acqua potabile per scopi strettamente civili, al fine di preservare l'uso potabile dell’acqua fornita dalla rete acquedottistica gestita dalla Società e fronteggiare le potenziali criticità nella fornitura idrica.
 
CONSIDERATO CHE:
  • l'acqua è una risorsa pubblica di primaria ed assoluta importanza;
  • a causa delle persistenti sfavorevoli condizioni meteoclimatiche, caratterizzate da perdurante scarsità di precipitazioni, si è verificata una importante criticità idrica, nonché una rilevante riduzione dell'apporto idrico dalle sorgenti montane;
  • una conseguente scarsità di acqua potabile nella rete idrica pubblica può dare luogo a gravi disagi, nonché creare inconvenienti di natura igienico-sanitaria per la popolazione;
  • in un vigente contesto di potenziale criticità e a prevenzione di una più grave situazione di carenza della risorsa idrica, necessita sensibilizzare la cittadinanza ad intraprendere azioni di contenimento dei consumi e di razionalizzazione degli spechi, prediligendo usi accorti, consapevoli e limitati della risorsa idrica orientati al soddisfacimento dei soli concreti ed essenziali fabbisogni umani.
 
RAVVISTATI:
  • la necessità di dover disciplinare, per quanto di competenza, il consumo dell'acqua potabile della rete idrica dell'intero territorio comunale, al fine di garantire una soddisfacente erogazione a tutte le utenze e di tutelare/salvaguardare la risorsa idrica, l'igiene e la salute pubblica;
  • il carattere di contingibilità ed urgenza per preservare la maggior quantità di risorsa disponibile all'uso umano ed alimentare e per ridurre conseguentemente i prelievi di acqua potabile dall'acquedotto pubblico per scopi diversi da quelli primari.
 
RICHIAMATI:
-       il R.D. 11/12/1933 n. 1775 e s.m.i.;
-       il D.Lgs. 02/02/2001 n. 31 e s.m.i.;
  • la L.R. 27/04/2012 n. 17, in particolare l'art. 1;
  • il D.Lgs. 03/04/2006 n. 152 e s.m.i., Parte Terza e in particolare l'art. 98 co. 1;
-       il D.Lgs 18/08/2000 n. 267 e s.m.i., art. 50;
  • il Piano Regionale di Tutela delle Acque, approvato con Delibera di Consiglio Regionale n.
107 del 05/11/2009 e s.m.i..
 
ORDINA
 
per le ragioni e le finalità esposte in narrativa, a far data del presente provvedimento fino alla revoca dello stesso:
  • A tutti gli utenti del Servizio Idrico Integrato un uso estremamente accorto dell'acqua fornita dal
pubblico acquedotto;
  • Agli utenti di tipo domestico del Servizio Idrico Integrato di impiegare l'acqua fornita dal pubblico acquedotto esclusivamente per gli usi alimentari ed igienico-sanitari;
  • Alla collettività il divieto di impiegare acqua potabile fornita dall’acquedotto pubblico per le seguenti attività pubbliche e private:
    • lavaggio di cortili e piazzali;
    • lavaggio domestico di veicoli a motore;
    • il riempimento di vasche da giardino, fontane ornamentali e simili;
    • Innaffiare i giardini.
Sono esclusi dalla presente Ordinanza:
  • I servizi pubblici di igiene urbana;
  • Il verde pubblico;
  • l'utilizzo zootecnico o produttivo per le attività regolarmente autorizzate all'uso di acqua potabile.
 
INVITA
 
  • tutti i cittadini ad adottare ogni utile accorgimento finalizzato al risparmio dell'acqua, come ad esempio:
  • riparare prontamente perdite, anche minime, da rubinetti, sciacquoni, ecc.;
  • installare sui rubinetti dispositivi frangi getto che, mescolando l'acqua con l'aria, consentono di risparmiare risorsa idrica;
  • impiegare lavastoviglie e lavatrici solo a pieno carico.
 
  • Alto Trevigiano Servizi S.p.A., quale Gestore del Servizio Idrico Integrato, a comunicare per iscritto alla presente Amministrazione Comunale il rientro delle criticità rilevate nella fornitura idrica oggetto dell'attuale provvedimento per la conseguente revoca dell'Ordinanza Sindacale;
 
AVVERTE
 
Che è ritenuta di estrema importanza la collaborazione di tutti i cittadini;
Che il presente provvedimento potrà essere modificato, integrato, sospeso per il superamento delle criticità o prorogato per la persistenza / aggravio della situazione di carenza idrica;
Che l'inosservanza delle disposizioni è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 ad € 500,00 ai sensi dell'art. 7-bis del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267 e s.m.i. e, qualora ne ricorrano i presupposti, dà luogo all'applicazione dell'art. 650 del Codice Penale.
 
INCARICA
 
la Polizia Locale a vigilare sulla corretta attuazione della presente Ordinanza e di far osservare quanto contenuto, nonché di irrogare le relative sanzioni nei confronti dei soggetti trasgressori.
Il presente provvedimento entra in vigore a partire dal giorno successivo alla sua pubblicazione all’Albo Pretorio del Comune.
Le violazioni alle norme della presente ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato o sia sanzionato da norme speciali, sono punite ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lgs. n. 267/2000.
 
Copia del presente provvedimento verrà pubblicata all’Albo Pretorio Comunale e nel sito internet comunale e diffuso nelle forme e nei modi ritenuti più opportuni ai fini della sua ampia conoscibilità per tutto il periodo di validità dello stesso.
 
 
Composizione del documento:
  • Atto dispositivo principale
  • Eventuale Certificati ed allegati indicati nel testo
 
Il SINDACO

F.to MARIN FABIO

(La firma, in formato digitale, è stata apposta sull’originale del presente atto ed è conservato presso gli archivi informatici del Comune ai sensi del D.Lgs 7/3/2005, n. 82 e s.m.i. (CAD) e norme collegate,)

 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Ordinanza risparmio idrico.PDF 309.64 KB

Categorie ORDINANZE

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto