Regione Veneto

ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE PER LA CHIUSURA DI PARCHI, AREE VERDE PUBBLICO E CIMITERI PER CONTENIMENTO E GESTIONE DELL'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19 ULTERIORE PROROGA

Pubblicata il 15/04/2020

IL SINDACO

PREMESSO che l'Organizzazione Mondiale della Sanità, con ordinanza del 30/01/2020,

pubblicata in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 26 del 01/02/2020, ha dichiarato l'epidemia da

COVID-19 un'emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;

VISTA la Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 31/01/2020, pubblicata in Gazzetta

Ufficiale Serie Generale n. 26 del 01/02/2020, con cui è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di

emergenza sull'intero territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di

patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTO il Decreto Legge 25 marzo 2020 n. 19 recante Misure urgenti per fronteggiare

l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale 79

del 25.03.2020;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 aprile 2020, “Ulteriori

disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per

fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio

nazionale” pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 97 del 11/04/2020, il quale dispone

testualmente che “è vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti

al pubblico”;

CONSIDERATO che tra gli obiettivi principali del citato DPCM è incluso quello di evitare

il formarsi di assembramenti di persone e, più in generale, di evitare ogni occasione di possibile

contagio che non sia riconducibile a esigenze specifiche o ad uno stato di necessità
 

RITENUTO necessario di dover ricorrere, nella circostanza, al potere di ordinanza

contingibile e urgente configurandosi la necessità di porre immediato rimedio ad una situazione

di natura straordinaria, al fine di tutelare al massimo la salute dei cittadini e per tali ragioni, di

disporre la chiusura dei parchi, aree verde pubblico e cimiteri fino alla vigenza delle misure

rafforzate per il contenimento dell’epidemia;

VISTI:

l’art. 32 della legge 833 del 23.12.1978;

l’art. 50 comma 5 del D. Leg. 267/200, Testo Unico delle leggi sull’ordinamento

degli Enti Locali che definisce le attribuzioni del Sindaco per l’emanazione di

provvedimenti contingibili e urgenti, nella sua qualità di Autorità Sanitaria locale;

il D.L. 23 febbraio 2020 n. 6 – Misure urgenti di contenimento e gestione

dell’emergenza epidemiologica da COVID-19;

l’Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 40 del 13.04.2020 avente ad

oggetto “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza

epidemiologica da virus COVID-19. Ulteriori disposizioni”;

il DPCM 1 marzo 2020;

il DPCM 4 marzo 2020;

il DPCM 16 marzo 2020;

ORDINA

per i motivi contingibili e urgenti descritti in narrativa e fino alla vigenza delle misure

rafforzate per il contenimento dell’epidemia le seguenti misure finalizzate al contenimento e

gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19:

- divieto di accesso al pubblico, con chiusura ove possibile, di tutti i parchi ed aree verde

pubblico;

- chiusura dei tre cimiteri comunali – San Zenone degli Ezzelini, Ca’Rainati, Liedolo –

garantendo comunque l’erogazione dei servizi di trasporto salme, ricevimento, inumazione,

tumulazione e ammettendo la presenza per l’estremo saluto agli stretti famigliari.

AVVISA

- che la presente ordinanza è immediatamente esecutiva ed è resa pubblica mediante l’affissione

all’Albo Pretorio Comunale, attraverso il sito internet comunale ed i mezzi di comunicazione;

- il Corpo di Polizia Locale del Comune di San Zenone degli Ezzelini, le Forze dell’Ordine e

chiunque preposto all’attività di controllo, sono incaricati della sorveglianza e applicazione

della presente ordinanza;

- che la presente ordinanza viene trasmessa al Prefetto della Provincia di Treviso;

- avverso il presente provvedimento è ammesso entro 60 giorni ricorso al Tribunale

Amministrativo Regionale del Veneto, ai sensi del D. Lgs. 2 luglio 2010 n.104, ovvero, entro

120 giorni, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi del D.P.R. 24 novembre

1971 n.1199.

Tutti i termini di impugnazione decorrono dalla pubblicazione del provvedimento all’Albo

Pretorio del Comune.

Il Sindaco

Dott. Fabio Marin

 


Allegati

Nome Dimensione
Allegato ordinanza_n_10.pdf 359.41 KB

Categorie ORDINANZE

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto